Progetto cofinanziato da
Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di paesi terzi

 

Il progetto TRA.Mi.Te verso la conclusione

Si è svolta giovedì 22 maggio la terza Tavola rotonda del progetto TRA.Mi.Te dal titolo "Nuove frontiere per la riqualificazione urbana e sociale dei quartieri" dove abbiamo conosciuto e ci siamo confrontati con le esperienze della Gestione sociale e partecipata dei quartieri e delle Wächterhäuser a Lipsia, dove si sta utilizzando il patrimonio sfitto in maniera creativa per la qualificazione urbana e sociale dei quartieri. L'incontro ristretto seguito a tale evento, alla presenza di figure tecniche e istituzionali interessate al tema, ha visualizzato la possibilità concreta di sperimentare co-housing di quartiere a partire proprio dall'ingente patrimonio sfitto trentino e su questo si intende lavorare. Si è concluso inoltre il ciclo di Laboratori formativi per cercare di capire come far funzionare al meglio un condominio e come si possono trovare soluzioni ai problemi di convivenza condominiale. Gli ultimi appuntamenti si sono tenuti nei contesti coinvolti dal progetto a Trento e Rovereto sabato 14 giugno. Si è trattato di "Dialoghi sul quartiere che vorremmo" dove i cittadini hanno potuto condividere idee e progetti su cosa possono fare insieme per cambiare il proprio contesto.

Il progetto TRA.Mi.Te terminerà con la fine di giugno. Quanto realizzato negli scorsi mesi sarà ulteriormente sviluppato e ampliato grazie al nuovo finanziamento ottenuto da ATAS onlus con il progetto INTEREST: INtegrare TEssendo REti e Servizi Territoriali dal condominio al quartiere, sempre cofinanziato dall'Unione Europea - Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi e dal Ministero dell'Interno, dove al partenariato di TRA.Mi.Te si aggiungono Con.solida e APPM.